Digital Roots è il blog di DGLine | Web & Software Agency
Know how

Hitech e misoneismo

24 Settembre 2018

Hitech e misoneismo

Può sembrare paradossale ma molte aziende che producono software si rivelano allergiche all’innovazione e propongono ai loro clienti soluzioni non adeguate alle esigenze correnti. Vi faccio due esempi accaduti nel 2015.

2015, due esempi

Esempio #1

Una pagina con una lista di un centinaio di articoli in cui il cliente può indicare la quantità per ciascun articolo, da zero a “n”, e mettere in carrello tutti gli articoli con un bottone, invece di scorrere i risultati divisi per pagina. L’azienda lamenta il fatto che i suoi clienti non riescono a completare l’acquisto perché l’aggiunta al carrello da quella pagina restituisce errore. In questo caso, veniva usato un javascript che concatenava tutti gli ean e le quantità della pagina (anche quelle con valore 0) e li passava al server con una chiamata GET. Di conseguenza l’URL risultava troppo lungo e il browser restituiva un errore (414 Request-URI Too Long). Era stata riutilizzata una soluzione scritta anni prima: si poteva utilizzare invece una chiamata ajax o banalmente in post.

Esempio #2

Un B2B basato su mysql durante il picco annuale di attività rallentava fino a fermarsi completamente, più volte alla settimana. Come soluzione al problema l’azienda che aveva scritto il software e lo manteneva riavviava il server nei momenti di crisi. La tabella che conteneva i dati del carrello dei clienti utilizzava il motore MyIsam che per sua caratteristica ad ogni modifica di un record fa un lock sulla intera tabella: più aggiunte contemporanee da parte dei clienti di un prodotto nel carrello venivano accodate, mentre altri clienti non potevano visualizzare nulla. Sarebbe bastato cambiare il motore della tabella e utilizzare Innodb: si tratta di fermare il sito qualche minuto (nulla in confronto ai continui disservizi che si verificavano) certo, ma sarebbe stato anche necessario riconfigurare mysql per avere abbastanza risorse per Innodb, mentre questa appropriazione della “nuova” conoscenza non è avvenuta e al primo picco significativo il sito è crollato miseramente…

Casi estremi?

Ho citato casi estremi ma forse non sono così infrequenti, voi cosa ne pensate?

Il nostro punto di vista

Noi in DGLine vorremmo non smettere mai di imparare in modo da fornire soluzioni tecnologicamente fresche (e anche robuste) in modo che i nostri clienti si possano occupare del loro business.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *